Il mercatino della “legalità” del Comune di Taranto

Lo scorso 9 Agosto questo Osservatorio ha inviato al Sindaco di Taranto e a tutti gli organi di stampa una Lettera Aperta che potete trovare qui.

Le foto qui in basso, da noi scattate questo pomeriggio alle ore 15.00 circa, mostrano quello che è stato il ripristino del “rispetto delle normative vigenti, in primis, quelle igienico-sanitarie” da parte dell’Amministrazione Comunale.

Riteniamo non ci sia null’altro da aggiungere, se non un ringraziamento ai Vigili del Fuoco per essere tempestivamente intervenuti.

Lettera aperta all’Amministrazione Comunale di Taranto riguardo il “Mercatino delle Pulci”

Apprendiamo dalla stampa locale della chiusura per tre Domeniche (10, 17 e 24 Agosto p.v.) del tradizionale “Mercatino delle Pulci” da parte dell’Amministrazione Comunale affinché “le attività si svolgano nel pieno rispetto delle normative vigenti, in primis, quelle igienico-sanitarie“.

Carissimo Sindaco e carissimi Assessori, questo Osservatorio Permanente si augura, a nome dei cittadini dell’intero Quartiere Salinella, che questa decisione sia solo un primo passo rispetto a quelli necessari per un ripristino più completo di quel rispetto delle normative da voi auspicato.

Ci auguriamo, infatti, che nella Vostra agenda siano presenti anche altri interventi che possano migliorare la vita del Quartiere e dei suoi cittadini i quali devono quotidianamente convivere con blatte, zanzare ed altri insetti, con i cani randagi, con quei crateri (chiamarle buche è un eufemismo) visibili oramai dalla Luna, con i marciapiedi non pavimentati (o talvolta assenti).

O, ancora, con quella sporcizia già denunciata dal nostro Parroco e che non proviene dal mercatino delle pulci, bensì dai residui del mercato settimanale del Venerdì…per non parlare di quelle Domeniche in cui il traffico è semi-congestionato dalla contemporanea presenza di mercato, mercatino e partita del Taranto Calcio, o dei parcheggiatori abusivi sempre presenti anche di fronte alle pattuglie dei Vigili Urbani.

E questi sono solo pochi esempi, perché l’elenco è lungo.

Ci chiediamo: dobbiamo acquistare noi cittadini i bustoni per la spazzatura (magari differenziata) o richiedere l’intervento di pattuglie dei Vigili Urbani (se presenti) per attività di controllo? Dobbiamo chiedere noi a “La Gazzetta dello Sport” di organizzare una tappa del Giro d’Italia per le vie del nostro Quartiere per ottenere il rifacimento del manto stradale? Oppure approntare un banchetto per offrire quel caffè richiesto dai parcheggiatori abusivi?

Come vedete le idee non ci mancano, né ci manca la buona volontà per metterle in pratica. Ciò che manca è, però, un’attenzione a 360 gradi da parte della Vostra Amministrazione a quelle che sono le esigenze non solo del Quartiere Salinella, ma di tutti quelli periferici della città.

La Salinella e la sporcizia post-mercato

Quelle che vedete di seguito sono solo alcune delle fotografie scattate dal Parroco della Santa Famiglia nell’area mercatale antistante la Parrocchia stessa:

Riportiamo qui, integralmente, la sua denuncia su Facebook…non c’è altro da aggiungere, vero?

“Buongiorno a tutti.
Come al solito, dopo il mercato, anche questa mattina via Lago di Garda del Quartiere Salinella, si presenta come potete visionare nelle immagine allegate.
Oggi è sabato e la piazza resterà così, anche domani che è domenica!
Ma è proprio impossibile educare i commercianti a comportarsi civilmente, magari dotandoli di bustoni per la raccolta della spazzatura, sistemando intorno al luogo del mercato cassoni per il materiale ingombrante? E’ fuori da questo mondo chiedere che ci sia un pattugliamento nei giorni di mercato, non una tantum ma permanente, per multare coloro che non rispettano le norme?
Per non parlare delle erbacce che hanno raggiunto l’altezza uomo, dei maciapiedi non pavimentati, delle buche-voragini sulle strade, delle blatte da cui bisogna difendersi…
Ah dimenticavo: il Quartiere Salinella è periferia. E le periferie non interessano, perché non creano audience!
Buon pranzo a tutti.
P.S. Per piacere non dite solo che “mi piace”, ma commentate e diffondete. Più uniamo le nostre voci, meglio è!!!”