Spalluto: «I comitati al posto delle circoscrizioni. A costo zero»

Dopo la riforma che ha cancellato i Consigli, il capogruppo di Sds rimarca l’importanza di costituire organismi con analoghe funzioni

«Dopo la cancellazione dei Consigli circoscrizionali, è arrivato il momento di provvedere alla costituzione di un organismo gratuito con analoghe funzioni».

Il capogruppo Sds in Consiglio comunale, Alfredo Spalluto, rimarca l’importanza di “ricostituire” le circoscrizioni – dopo la recente riforma – come «anello di congiunzione tra cittadino e Amministrazione civica anche se in forme più ‘leggere’ e soprattutto a costo zero, senza prevedere indennità e rimborsi lavorativi».

«La proposta di regolamento delle circoscrizioni territoriali – ammette lo stesso Spalluto – è all’ordine del giorno della Commissione Affari Generali da troppo tempo».

A tal proposito, il capogruppo Sds ha sollecitato il consigliere comunale Michele De Martino – in qualità di presidente della stessa Commissione Affari Generali – affinchè si inserisca al più presto la proposta di regolamento all’ordine del giorno del Consiglio comunale.

«Il Consiglio – spiega Spalluto – deve costituire dei comitati semplici e snelli, composti da rappresentanti delle realtà sociali dei quartieri, presieduti da un rappresentante dello stesso Consiglio, in modo da garantire la rappresentatività delle forze presenti».

Tra i compiti previsti dai comitati, quelli di «favorire le attività socio-assistenziali a vantaggio di indigenti e cittadini deboli; svolgere attività integrativa per l’infanzia e servizi parascolastici quali soggiorni estivi, animazione pomeridiana, supporto all’educazione di famiglie in difficoltà, ma anche ospitare presìdi della Polizia Locale, attività culturale e sportiva».

Quanto alle sedi dove dislocare i nuovi organismi – conclude il capogruppo Sds – si potrebbe «guardare a quelle vecchie, senza però uso esclusivo, in quanto sulla base di regole decise dal Consiglio comunale, i comitati dovranno garantirne l’uso temporaneo, a costi vantaggiosi, alle associazioni culturali, politiche e di promozione sociale del quartiere purché non animate da fini speculativi».

Fonte: Corriere di Taranto

Leave a Comment.